Gnocchi alla romana

8 Gennaio 2015Giulia
Blog post

Per la serie “piatti che scaldano il cuore”, oggi condivido con voi la mia passione per gli gnocchi. Senza nulla togliere a risotti, pasta e tortellini, gli gnocchi sono per me il comfort food per eccellenza tra i primi piatti. Non dimentichiamo che ce ne sono di molti tipi: dai canederli agli gnocchi di patata, dagli spatzle agli strozzapreti, esistono persino in versione dolce. Alcuni sono facili e veloci, altri richiedono tempi un po’ più lunghi, ma credo esista una ricetta adatta per svuotare il frigo in ogni momento. Piatto povero e semplice è spesso di provenienza regionale e ogni zona d’Italia si può vantare di avere uno gnocco tipico nel suo menu’ della tradizione. I miei ricordi sono legati agli gnocchi di patate, classici delle mie zone, si preparano per festeggiare il carnevale e vengono conditi con ragu’ o un delizioso sughetto di pomodoro. Oggi mi voglio allontanare momentaneamente dalla tradizione veneta e scendere verso il centro Italia, per proporvi la ricetta degli gnocchi alla romana, ovvero, gli gnocchi di semolino. Se non li conoscete procedo subito con le presentazioni. Come descriverli al meglio se non dire per prima cosa che questo piatto piace veramente a tutti. Questi gnocchi sono gustosi e sfiziosi, croccanti all’esterno e morbidi all’interno. Inoltre hanno una forma tondeggiante e regolare che li rende simpatici ma anche piuttosto raffinati. Il che non guasta!

gnocchi alla romana

 

Il vero vantaggio di questo piatto è che può essere preparato in anticipo, conservato in frigo e scaldato poco prima del servizio. Sono preparati con pochi ingredienti e veramente semplicissimi. Basta avere in casa latte, burro, uova e parmigiano … senza scordare il semolino naturalmente! Fatevi aiutare dai vostri bambini per ricavare i cerchietti dalla polenta di semolino, si divertiranno molto!

Io li ho preparati per il cenone di Capodanno, mamma li prepara spesso durante le festività natalizie o per qualche pranzo tra amici, ma sono veramente ideali in ogni occasione. Fanno parte ormai della tradizione familiare che è bello salvaguardare. Spesso ho seguito  la ricetta che si trova sulla confezione del semolino, ma l’ho sempre trovata troppo carica. Dopo aver messo la forchetta in molte pirofile di gnocchi, vi posso assicurare anche la versione più leggera che vi propongo è molto gustosa, ho ridotto la quantità di tuorli e burro, il parmigiano è a vostra discrezione.

Preparate le pirofile e allacciate il grembiule!

Ingredienti per 6/8 persone:

  • 125 gr di semolino
  • 1 litro abbondante di latte
  • 1 uovo
  • 30 gr di burro più una noce
  • 4 cucchiai di parmigiano
  • sale
  • pepe
  • noce moscata

Per la finitura

  • parmigiano qb
  • una noce di burro

Scaldate 1 litro di latte con una noce di burro, un po’ di sale e un po’ di noce moscata in una pentola capiente e portatelo quasi ad ebollizione. Fate scendere a pioggia il semolino mescolando in continuazione con un frustino di metallo. Abbassate la fiamma e continuate la cottura per 10 minuti mescolando in continuazione. Se la polentina vi sembra troppo sostenuta aggiungete del latte. Trascorso il tempo unite al semolino il burro, l’uovo e il parmigiano e mescolate vigorosamente. Aggiustate di sale e pepe se necessario. Procuratevi una leccarda e ungetela con olio di oliva. Versate la polentina e cercate di stenderla uniformemente formando una strato di circa 1 cm di spessore. Bagnatevi le mani con acqua fredda ogni volta che vi sembra che il semolino si appiccichi ai vostri palmi. Questo trucchetto vi facilita in questo passaggio. Lasciate raffreddare completamente. Qualche minuto di frigo può ridurre i tempi di attesa.

IMG_4044

Procuratevi una pirofila da forno e ungetela con del burro. Utilizzate un bicchiere o uno stampino per biscotti e ricavate dal semolino quanti più cerchi potete. Distribuite sul fondo della pirofila i pezzi di polentina irregolari che sono rimasti all’esterno degli stampini. Distribuite sopra questi i cerchi belli e regolari a lisca di pesce cercando di creare file ordinate. Cospargete la superficie con parmigiano e fiocchetti di burro. Infornate a 180 gradi per 30 minuti e proseguite con altri 5/10 minuti di grill per formare la crosticina superficiale. Servite caldi.

Scrivi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricetta precedente Prossima ricetta