Riso venere con caprino, datterini e pesto

18 Gennaio 2014Giulia
Blog post

Ho pensato a questo piatto per tutto il giorno, l’ho progettato mentalmente in modo veloce ma preciso e volevo tornare a casa al più presto per poterlo realizzare. Non è niente di complicato ma il contrasto cromatico fa decisamente la sua figura. Inoltre è un piatto completo e leggero. Il riso venere ha quell’aria elegante e sembra dirmi “nessuno è chic come me”, ma io non mi faccio spaventare da dei chicchi di cereale altezzoso e lo lascio scivolare in acqua bollente e lo tratto come qualsiasi altro riso integrale. Ma il riso nero aveva ragione: la classe non è acqua!

Dopo 40 minuti i chicchi rimangono consistenti e integri, mantengono le preziose proprietà antiossidanti e anticancerogene e pure quell’aria snob! Ho letto che nell’antichità questo cereale veniva considerato il cibo degli imperatori, i quali potevano nutrirsi di queste perle ricche e profumate e mantenersi giovani in salute più a lungo. E oggi io mi voglio sentire imperatrice e confezionarmi una cena da tale,  perciò,  accosto il nero del riso ad un piatto lindo, al rosso dei datterini e al bianco acidulo del caprino. Mi diverto con la sac à poche, decoro con gocce di pesto… mi sembra di dipingere un quadro. Poi ci affondo la forchetta, le consistenze si sovrappongono,  i sapori si mescolano,  e penso che forse anche gli antichi imperatori avrebbero apprezzato..

 

IMG_2864

Ingredienti per due:

  • 140 gr di riso venere integrale
  • olio evo
  • due manciate di datterini
  • 100 gr di caprino
  • latte qb
  • origano
  • pepe
  • pesto qb

Cuocete il riso venere per 40 minuti in acqua bollente e leggermente salata. Controllate la cottura, i chicchi devono rimanere integri e al dente. Scolatelo e lasciate intiepidire. poi conditelo con un po’ di olio evo.

Nel frattempo tagliate a dadini i datterini, conditeli con olio, sale, origano e un pizzico di pepe se vi piace. Teneteli da parte e lasciateli insaporire. Ammorbidite il caprino con del latte fino ad ottenere una crema densa o omogenea e mettete la crema nella sac à poche.

Componete il piatto utilizzando un coppa pasta che vi servirà a fare uno stampino con il riso. Premete delicatamente i chicchi all’interno dell’anello, lasciate riposare qualche minuto e poi sfilatelo con cautela. Con la sac à poche create due cerchi concentrici di crema sulla superficie del tortino partendo dal bordo esterno. Aggiungete i dadini di datterino e completate con gocce di pesto disponendole come preferite. Create il vostro dipinto commestibile!

 

IMG_2863

8 Commenti

  • Manuela

    20 Gennaio 2014 at 11:15

    Ciao Giulia, che bella la composizione del tuo piatto 🙂 non avevo mai visto il riso nero sotto questo aspetto: dici che è proprio snob? lo osserverò meglio la prossima volta che lo incontrerò 🙂 a presto

    1. giuly.83

      21 Gennaio 2014 at 20:42

      Ciao Manuela, che piacere la tua visita! Sono contenta che hai apprezzato. Salutami il riso venere al vostro prossimo incontro:-)

  • Francesca

    3 Febbraio 2014 at 16:05

    Io ho avanzato il riso venere dopo l’insuccesso del riso venere con la zucca! :-/
    Potrei provare a convincere i miei familiari con questa ricetta 🙂

    1. giuly.83

      3 Febbraio 2014 at 20:11

      Certo Franci, vai con il secondo tentativo, prima o poi li convincerai 😉

  • Penney

    3 Febbraio 2014 at 17:01

    you’re truly a excellent webmaster. The website loading speed is incredible.
    It seems that you are doing any unique trick.

    Moreover, The contents are masterwork. you have performed a fantastic
    activity on this matter!

    1. giuly.83

      6 Marzo 2014 at 21:50

      Hi, I’m really sorry for the delay in my answer. Thank you very much for your compliments, I really appreciate them. It’ s a good start for my project. Wait for your next visit. Bye

  • Julia

    4 Febbraio 2014 at 12:25

    I’ll immediately take hold of your rss as I can’t to find
    your email subscription hyperlink or e-newsletter service.

    Do you’ve any? Kindly let me realize in order that I may subscribe.
    Thanks.

    1. giuly.83

      6 Marzo 2014 at 21:25

      Dear Julia, I’m really sorry for the delay in my answer. Thank you for your comment, but I’m still learning to manage this blog and I have not yet thought about what you are asking me. I will remember your suggestion for the future. Bye

Scrivi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricetta precedente Prossima ricetta