Crumble di ciliegie con erba amara e mandorle

L’estate è alle porte e io sono felicissima! La mattina ci si sveglia trovando il sole già alto e un piacevole frescolino,  la sera si gode dell’aria tiepida e delle lunghe ore di luce.  I fiori diventano frutti e l’aria si riempie di profumi.  Tutto si è ormai risvegliato. In questi giorni vengono raccolte le prime ciliegie, contemporaneamente sono gli ultimi giorni disponibili per approfittare dell’erba amara.  La conoscete? Quest’erba dal sapore particolare e dal profumo inconfondibile è semi spontanea.  Io la trovo nel mio giardino e nei giardini dei vicini di casa. Le foglie sono verdi e irregolari e sono utilizzate in cucina per la preparazione di semplici piatti dalla lunga tradizione.  Dalle mie parti viene chiamata “erba madre”,  forse per una distorsione dialettale del nome come spesso accade quando si parla di abitudini e antiche tradizioni. Quando ero bambina, le nonne preparavano frittelle, frittate e morbide torte profumate con l’erba madre.  Un piacevole salto nel passato ricco di dolci e teneri ricordi.  Oggi ho voluto abbinare le ciliegie con l’erba amara preparando un crumble croccante e profumato dall’interno fruttato e dalla crosticina croccante e aromatica.  Semplice e goloso.  Provatelo caldo abbinato ad una pallina di gelato, ma prima di divorarlo a cucchiaiate odoratelo e fatevi inebriare dall’insieme degli aromi che vi verrà incontro! Un salto nel passato per me, mi accompagnate in questo viaggio ? Allora vi aspetto per merenda!

crumble alle ciliegie (3)

Crumble di ciliegie con erba amara e mandorle

Continue reading

Sbrisolina gluten free con fichi secchi, senza zucchero e senza lattosio

Negli ultimi mesi il blog della mia amica Nicole senzalattesenzauova mi fornisce ispirazione e tanto aiuto.  Vedrete che verrà spesso nominata su queste pagine. Lei ormai è una vera esperta in dolci vegan e senza glutine e io mi faccio volentieri consigliare.

Oggi vi voglio raccontare la ricetta della sbrisolina,  che in realtà sarebbe una sbrisolona, (tipica torta secca e ricca con le origini nel mantovano),  ma non me la sento proprio di dare lo stesso nome,  nel rispetto della versione originale. Ho preso spunto dalla ricetta di Nicole ma ho apportato altre modifiche perché volevo eliminare lo zucchero e addolcire con succo di agave e frutta essiccata. Ho utilizzato mandorle nocciole e fichi e naturalmente olio al posto del burro.

Bhe,  non aspettatevi una sbrisolona propriamente detta, ma io me la sono mangiata tutta,  pezzetto dopo pezzetto, ogni volta che ci passavo davanti. Croccante e morbida per la presenza dei fichi,  ha un gusto delicato ma ricco.  È veramente nutriente e sana. Sapete che vi dico?  Domani ne prepararo una nuova!!! Sgranocchiate anche voi?

sbrisolina glutenfree senza zucchero e lattosio (2)

Continue reading

Torta triplo strato con crema al cioccolato bianco e fragole, per l’Aifb

Oggi noi dell’Aifb festeggiamo la Giornata nazionale delle fragole.  Un’ode a questo frutto meraviglioso, al suo gusto impareggiabile e alle preziose proprietà nutrizionali. Sul sito dell’Aifb oggi potete trovare un articolo dettagliato su questo argomento e svariate ricette con questo frutto. Chi partecipa alla stesura degli articoli in questione sono persone che si impegnano nella divulgazione di informazioni, storia e tradizione, oltre ad essere espertissime ai fornelli. Sono lavori veramente ben fatti e io vi consiglio di dare una sbirciatina. L’ambasciatrice per questa giornata è Stefania Pigoni del blog “Dolcissima Stefy”. Anch’io ho voluto partecipare dando il mio piccolo contributo.

Non è un segreto il fatto che le fragole, oltre ad essere uno dei miei frutti preferiti, mi stimolino le papille gustative e la fantasia culinaria. Del resto,  ve l’ho confessato molte volte di quanto io ami le cose belle oltre che buone, e le fragole si prestano perfettamente a soddisfare questi requisiti senza mai lasciare ombra di delusione.

Ogni anno in questa stagione mi impegno a provare ricette nuove con questo frutto e a ripetere vecchi cavalli di battaglia di cui non mi stanco mai. Attendo il periodo in cui le fragole sono rosse e ben mature, disponibili nei negozi o direttamente dal produttore, che provengano da coltivazioni rigorosamente italiane e se possibile, anche bio. In ogni caso,  un dolce alle fragole è d’obbligo! Questa volta ho optato per una torta morbida e ben farcita, dove il gusto fresco e intenso del frutto che contrasta il sapore ricco della crema.  Ho scelto un soffice pan di spagna tradizionale  da arricchire con una crema che in verità sono due! La classica pasticcera, e una ganache al cioccolato bianco a fragole (ricetta di Montersino che ho utilizzato spesso con frutti di bosco al posto delle fragole).

Frutta fresca e crema unite nello stesso dolce in un connubbio perfetto,  delizioso e…  romantico!

Inutile dirvi che il cioccolato bianco rende corposa la crema e non penalizza minimamente in termini di gusto o pesantezza. La torta è soffice e leggera e una forchettata chiama insistentemente la successiva. Non è proprio possibile fare diversamente!  Ode alle fragole!

torta triplo strato con crema ciocc bianco e fragole (6)

 

Continue reading

Frittata con porro e borragine per l’AIFB

A proposito di scampagnate e pic nic all’aperto,  che dire … Mi piacciono un sacco!  Pranzare in mezzo alla natura, sentire il profumo di erba fresca e il soletto che scalda le ossa sono cose che non hanno prezzo. Inoltre trovo il pic nic molto divertente in compagnia e molto romantico in coppia. Detto da una sentimentale come me!

Io credo ci siano più tipi di pranzi all’aperto. Condivido con voi la mia personale classificazione. Per esempio: modalità panini imbottiti. Pronti e pratici, a menu’ fisso😃.  La farcitura può essere varia ma la caratteristica è che un piccolo zainetto contiene tutto il pasto compresa la merenda. Leggero, perfetto per camminate e gite all’aperto.

La seconda tipologia prevede la classica grigliata di carne e verdure (naturalmente di verdure per me). Io adoro in questo caso anche patate al cartoccio e tomino grigliato. Dalle mie parti ci si trova tutti insieme per la grigliata nelle giornate di pasquetta e ferragosto trascorse rigorosamente in compagnia all’aria aperta.

La terza modalità è qualcosa di più impegnativo. Meno utilizzato da giovani ragazzini, più frequentante da famiglie con bambini. Si tratta di un pranzo completo con la differenza che le pietanze non vengono consumate nella cucina di casa ma su prati e panchine. Mi ricorda i pranzi in spiaggia delle grandi famiglie del sud, con peperonata e parmigiana di melanzane. Un brunch all’italiana, all’insegna dell’abbondanza.

Che ne dite, potrebbe avvicinarsi alla realtà ?

Io, a proposito di cio’, a proposito di prati verdi e profumo di fiori, ho raccolto qualche foglia di borragine , per portare la natura nel piatto. La natura infatti, spesso ci fornisce gratuitamente erbe saporite salutari, che possono arricchire la nostra tavola, basta saperle riconoscere. Oggi infatti l’AIFB festeggia la giornata nazionale della borragine è io ho voluto partecipare con un mio piccolo contributo.

La borragine è una pianta che puo’ crescere spontaneamente o essere coltivata. Le sue foglie verde scuro presentano una peluria superficiale. I fiori sono piccoli, edibili e di colore viola, sono prefetti per le decorazioni. Entrambi, foglie e fiori, possono essere utilizzati in cucina e sono ingredienti fondamentali  di alcuni piatti  tipici della tradizione regionale italiana.

Le foglie di borragine che ho raccolto provengono da una piantina fiorita nel mio giardino. Ho pensato di usarla per arricchire una frittata. Piatto semplice ma delizioso perfetta per farcire un panino o essere consumata fuori casa, tiepida o fredda.

E voi, di che pic nic siete?

frittata alla borraggine (13)

Continue reading

Gallette glutenfree di grano saraceno con asparagi e besciamella

I miei esperimenti primaverili procedono a buon ritmo puntando a piatti leggeri e senza glutine ma ricercando gusto ed estetica perché anche quest’ultime caratteristiche non possono venir meno.  Il gusto soprattutto… Non si mangia solamente per riempirsi lo stomaco ma anche per godere dei piaceri della tavola.

Oggi ho utilizzato gli asparagi: ortaggi di stagione, ipocalorici, leggeri, ricchi di vitamine e sali minerali,  dell’elevato potere depurativo. Li ho utilizzati verdi per decorare e riempire un guscio di pasta croccante fatta con farina di riso, ceci e grano saraceno.  Una gallette leggera e golosa,  dal ripieno cremoso grazie alla presenza di besciamella e patate a cubetti.  Un sfizioso piatto unico senza latte e senza glutine,  ricco di gusto e di sostanza.  I sapore deciso e caratteristico del grano saraceno ben si sposa con la delicatezza della besciamella e degli asparagi.

Non escludete alimenti dalla vostra dieta?  Potere arricchire la gallette con parmigiano grattugiato e utilizzare la besciamella tradizionale al posto della versione senza latte e glutine.  Si tratta di ricette versatili che ognuno può personalizzare secondo le proprie esigenze.  Del resto le torte salate sono nate come veri e propri svuotafrigo.

E poi non vi resta che condividere… Le torte salate sono più buone mangiate in compagnia!

torta con asparagi e grano saraceno (3)

Continue reading

Vellutata di zucca e carote con robiola e semi di lino

Il tempo è ancora ballerino tra giornate talvolta caldissime e altre fresche e ventose.  La stagione si è aperta per metà io io mi godo ciò che la natura ci propone godendo ancora dell’abbraccio di una coperta e dei primi caldi raggi di sole che scaldano le ossa fin nel profondo.

In questo periodo e’ bello poter scegliere tra cibi estivi che richiedono poca cottura e altri ancora invernali.  A questo proposito, ho comprato l’ultima zucca della stagione.  Ortaggio allegro e colorato dal sapore dolce e dalle scarse calorie. Adoro la zucca perché è veramente versatile, la si può utilizzare dall’antipasto al dolce.  Naturalmente non c’è nulla di meglio che utilizzare gli ortaggi nella loro stagione quando conservano gusto e profumo intensi.  Io credo una vellutata morbida e profumata si mangia sempre volentieri e la zucca è perfetta per prepararne una dal colore vivace e dal gusto avvolgente. Questa versione ormai è un must della mia cucina,  mi piace veramente tanto, tiepida o fredda,  la preparo spesso per me o per gli amici ed è sempre apprezzata. Potete cucinarla in anticipo e riscaldata al momento di impiattare.  La robiola regala contrasto cromatico e una nota acida che si sposa benissimo con la dolcezza di zucca e carota. Il rosmarino oltre a decorare aromatizza la vellutata in modo molto piacevole. Che dire.. Matrimonio perfetto!  Se vi piace aggiungere frutta secca croccante o semi vari,  potete farlo appena prima di servire.  Ma questa è un arricchimento non indispensabile perché questa vellutata è veramente buona in semplicità. Proponetela e rimarrete piacevolmente sorpresi!

vellutata di zucca con robiola (4)

 

 

Continue reading

Insalsta di riso venere con avocado, pomodorini e frutti del cappero

Spesso vi ho raccontato di quanto mi piace cucinare per gli altri, per gli amici, per le persone che ho intorno.  In questi casi non vado sempre sul sicuro,  la mia tendenza a sperimentare qualcosa di nuovo se ne esce sempre allo scoperto e io mi ritrovo a sottoporre i miei commensali a piatti mai preparati.  Se è vero che non tutte le ciambelle escono con il buco,  e’ vero anche che i miei invitati solitamente apprezzano i miei tentativi e si offrono volontari per testare i nuovi esperimenti culinari a patto che si impegnino ad essere molto sinceri e che le loro valutazioni siano schiette e migliorative. Presto fatto!! 

Tuttavia, se conosco i palati dei miei amici e sono sicura che essi apprezzano abbinamenti meno tradizionali sono più rilassata e mi piace spaziare.

Ho preparato questo semplice riso venere per una cena tra amiche foodblogger.  La cena consisteva in un menù vengano e senza glutine. Devo dire che è un piacere vedere persone mangiare con gusto sedute al tuo tavolo e questo mi procura veramente molta soddisfazione.  Ma so che ogni appassionato di cucina e non, mi può capire 🙂

Ho condito questo riso con menta,  pomodorini, abbondante olio,tocchetti di avocado e frutti del cappero. Quest’ultimi li ho comprati quest’estate in Sicilia, conservati sotto sale. Vi consiglio di sciacquateli e tagliarli in piccoli tocchetti. Sono molto salati e insaporiranno tutto il riso.  Consiglio inoltre di non salare troppo il riso durante la cottura.

Questa insalata è buonissima tiepida o fredda. È fresca,  saporita e nutriente ed è un’ottima alternativa alla solita insalata.  Provate a prepararla per i vostri amici,  vi faranno onore!!

riso nero con pomodori capperi e avocado (4)

Continue reading

Crostata alle fragole con crema al limone e base morbida

La stagione delle fragole mi mette una tale allegria che non posso certo contenerla! Questi frutti freschi, dolci e rossi li aspetto tutto l’anno. Non vedo l’ora di averne un cestino tra le mani e morsicarne una dopo l’altra,  magari seduta in un prato godendo dei primi raggi di sole.  La bella stagione è decisamente arrivata e non saranno certo quelle poche bruttine giornate di passaggio ad abbassarmi il morale perché io posso sempre rifarmi accendendo il forno e portando l’atmosfera primaverile nella mia cucina a colpi di torte alle fragole.  Ebbene si, le fragole mi stimolano la fantasia e la voglia di utilizzarle in dolci dei più svariati tipi,  l’importante è che siano golosi!

Quella di oggi è una ricetta di chiarapassion che mi ha permesso di trovare un’ottimo impasto per il mio stampo furbo per basi morbide. Ho seguito anche la sua ricetta per la farcitura al limone che si è rivelata veloce e freschissima al palato, senza sentire quel retrogusto fastidioso che talvolta accompagna le creme al limone.

Inoltre devo dire che questa torta permette un sacco di varianti non solo per quanto riguarda i tipi di gusti per la crema è i vari frutti per la decorazione ma anche molte varianti come quella senza lattosio o senza glutine.  Direi che è un’ottima soluzione per molte persone. Questa volta mi sono dedicata ad una versione più tradizionale ma presto proverò quella senza glutine. Ho scelto inoltre di spalmare un velo di confettura di fragole tra la crema e la base per arricchire la torta.

Siete pronti ad iniziare? Pochi e facili passaggi per una torta leggera e veramente scenografica. L’importante è che siate in possesso di uno stampo “furbo” ,  quello per crostate morbide con il fondo rialzato.  Lo stesso che ho utilizzato per la torta lindt.

Fragole che passione!

 

base morbida con fragole (4)

Continue reading

Finta carbonara di asparagi verdi

Essendo vegetariana fin da piccola, non ho mai assaggiato la rinomata pasta alla carbonara. So che mi state già guardando male e state sgranando gli occhi e state pensando “non sai cosa ti sei persa”.  Del resto si tratta di un piatto preferito da molti, saporito e goloso, proprio della cucina tradizionale italiana. E proprio la profonda tradizione talvolta porta a rispettare la ricetta è cucinarla secondo tutti i crismi nonostante le variazioni regionali. Non che io non sia d’accordo, tutt’altro.

Insomma, sta di fatto che l’uovo nella pasta, che insieme al parmigiano forma questa cremina avvolgente… Non mi dispiace per niente come idea. Ma nel tempo è sempre rimasta solo un’idea, e l’uovo e la pasta hanno talvolta convissuto nello stesso mio pasto, ma mai l’uno crudo a condire l’altra.

Sono d’accordo con voi che la versione vegetariana non può essere chiamata carbonara,  ma se vi dico che è “finta” allora il gioco vale, non vi pare?

Per passare dall’idea alla messa in tavola, ho  scelto di sostituire il guanciale con gli asparagi,  verdi e di stagione che si abbinano divinamente con uova e parmigiano.  Una spolverata di pepe e c’è tutto quello che serve per un buon primo piatto. Io ho scelto di utilizzare pasta corta, fusilli bio naturalmente prodotti dai miei amici dell’azienda L’Origine. Versione vegetariana riuscita. Mi dispiace per i puristi, ma direi che il piatto è veramente ben riuscito!

finta carbonara di asparagi

Continue reading

Banana bread alle nocciole

Buongiorno a tutti amici!  Oggi il buon umore mi fa compagnia e sono ancora più contenta di parlarvi di una torta che è veramente un must!  Famosissima!  Il banana bread! E chi non ne ha mai sentito parlare!  Questo pane alle banane è di origine anglosassone.  Si prepara con burro, uova e banane mature e possibile aggiunta di cioccolato. La versione originale è deliziosa e molto sostanziosa! Nella mia cucina ho provato più versioni del banana bread cercando di alleggerirlo un pochino per renderlo più adatto alle mie colazioni. Dopo tanti tentativi sono capitata sul blog di Giulia ho provato la sua ricetta, qui, ho apportato pochissime modifiche,  ho arricchito la torta con nocciole tostate omettendo il cioccolato . La morbidezza è data dallo yogurt e da una piccola parte di burro fuso.  L’aroma inconfondibile è quello delle banane mature che devono essere mature per davvero, vanno bene anche quelle nere dimenticate in frigo. Ottima opera di riciclo e sublime risultato ve lo posso assicurare.  Questo è il tentativo migliore mai fatto.  Più leggero della versione anglosassone ma gustoso e davvero morbido!  Da provare!

 

banana bread (6)

 

Continue reading