Torta di rose al caffè

Non potevo certo lasciar trascorrere il mese di dicembre senza infornare una torta di rose. Morbida e floreale, accompagna moltissimo dolci ricordi dei miei pomeriggi in famiglia.  Questa torta di rose è però speciale perchè profuma di colazione , di mattino, di luce del sole che entra dalla finestra. E’ aromatizzata al caffè e preparata con farina tipo 1 . Pochi ingredienti e un po’ di pazienza per mordere la rosa più morbida che avrete ai assaggiato. Sembra un lavoraccio ma impiegherete poco tempo per prender mano nella preparazione e tutto poi vi sembrerà cosi semplice che la preparerete ad occhi chiusi perchè poi, cio’ che vi aspetta, è un’enorme soddisfazione ed una grande colazione. Mani in pasta!

 

Continue reading

Zuppa di ceci e castagne

Che dite, abbiamo ancora tempo per un salto nell’autunno?  Perchè io avrei in serbo una ricettina niente male a base di castagne. La volete? Una zuppa confortevole, sostanziosa e ricca di gusto adatta alle giornate fredde. Questo è un piatto di antica tradizione, preparato con ingredienti semplici e poveri ma dal grande valore. Una zuppa senza glutine e senza latticini adatta proprio a tutta la famiglia.

Le castagne possono essere un ingrediente piuttosto complicato. Per questa ricetta servono castagne lessate. Potete partire da quelle secche e lasciarle ammollare e successivamente cuocere, oppure tagliate le castagne fresche con il classico taglio, lasciatele a bagno in acqua fredda per un’ora e poi procedete a cottura ad esempio in microonde per 15 minuti. Togliete le pellicine e avrete la polpa di castagna lessata.

Quindi non lasciatevi intimorire, mettete in tavola questa zuppa calda e confortante, aggiungete due crostini e una spolverata di parmigiano se lo gradite e buon appetito!

 

 

Continue reading

Crostata frangipane al cacao con pere al Recioto

Oggi decanto per la seconda volta il mio entusiasmo nei confronti della crema frangipane, mi ha davvero conquistato. Bella scoperta direte voi! Avete pure ragione ;-), ma ognuno ha i suoi tempi ragazzi e i miei talvolta sono parecchio lunghi. Per recuperare gli anni senza crema frangipane non potevo certo esimermi dal provarla subito nella versione al cacao, con quel croccantino di mandorle sotto ai denti che vanno a meraviglia insieme al cacao. Il tutto è partito dalla crostata con crema frangipane e confettura .Abbinamento semplice e azzeccato che accontenta tutti i palati. Cosa abbinare quindi al cacao? Frutta. Si, ma non fresca, cotta al dente nel Recioto. Vino prezioso, dolce, rosso e corposo delle zone della Valpolicella. Per completare manca solo qualche spezia per rendere la crostata più adatta ai giorni di festa e il gioco è fatto. E’ una crostata preziosa come il vino utilizzato per prepararla. Ed è buona, anzi, buonissima, ve lo prometto!

 

Continue reading

Ciambella alla zucca cruda e gocce di cioccolato

Quando ci si accinge a preparare una ciambella o qualsiasi altro genere di torta semplice per la colazione, si cerca qualcosa di veloce, pratico, che spesso negli anni, si arriva ad imparare a memoria, senza più misurare gli ingredienti, senza sfogliare il ricettario. In molte case infatti, la torta fatta in casa a colazione, è davvero un’esigenza. E per fortuna!

Una delle mie preferite è la torta di carote di cui ho pubblicato la versione monodose, famosissima, delle Camille. Cosi come la torta di carote si prepara utilizzando carote crude grattugiate, lo stesso ho fatto con la zucca, in una versione più autunnale della ciambella arancione per eccellenza.

Con l’aiuto del frullatore la zucca cruda viene ridotta in crema e aggiunta direttamente all’impasto. Una pioggia di gocce di cioccolato, qualche mangiata di farina di mandorle e via in forno.

Soffice soffice …

 

Continue reading

Uova cremose in cocotte, con cavolo nero e patè di olive

Di ritorno dalla meravigliosa visita al frantoio Redoro che vi ho raccontato qualche settimana fa, ho portato a casa un vasetto di pregiatissimo patè di olive nere. Sapore intenso come il suo profumo. Le olive sono una costante nella mia cucina, regalano carattere e gusto ad ogni verdura: le utilizzo per preparare la crema di tofu, le adoro con i ceci o con i peperoni, per non parlare dell’insalata mista. Da utilizzare in cucina le preferisco piccole e nere, possibilmente sott’olio, per l’aperitivo invece grandi e verdi dalla polpa carnosa.

Oltre a spalmare il patè su crostini croccanti l’ho utilizzato per un secondo piatto sfizioso, complice un vecchio numero di sale e pepe da cui ho tratto ispirazione. Un uovo al tegamino speciale accompagnato da cavolo nero croccante e patè di olive. Un secondo piatto originale per valorizzare le uova e variare la vostra cena. Da abbinare a pane caldo tostato,  per non farvi mancare la scarpetta  che in questo caso è d’obbligo. Inoltre è un piatto davvero veloce e sfizioso , a noi è piaciuto moltissimo. Buona cena!

 

Continue reading

Torta angelica delle sorelle Simili con cedro candito al cioccolato

Da quanto tempo avevo in programma questa ricetta non lo so nemmeno io .. e a dirla tutta quasi me ne vergogno.  😳 Leggo e rileggo da anni le ricette delle sorelle Simili, prendo appunti sulle mie preferite, le leggo su altri blog, guardo le foto dei loro sontuosi lievitati, mi informo su di loro.

Margherita e Valeria Simili sono una vera istituzione! Sorelle gemelle di Bologna, fino agli anni 70 hanno avuto una vita da pasticcere e fornaie, hanno reso famose loro stesse e la città di Bologna in tutto il mondo con le loro ricette e fatto onore alla cucina Italiana. Hanno avuto una scuola di cucina frequentata e ambita, hanno pubblicato tre libri famosissimi che sono diventati le bibbie di cuoche e casalinghe appassionate. Le ricette delle sorelle Simili sono entrate in ogni cucina e hanno assistito nonne, mamme e nipoti portandole a sfornare ogni meraviglia possibile.

Ho finalmente messo le mani in pasta e mi sono goduta la preparazione della torta Angelica. Morbida e golosissima, l’ho farcita con cedro candito ricoperto di cioccolato anche se la versione originale prevede l’uvetta. Potete anche scegliere gocce di cioccolato o frutta secca tritata. Questa ricetta prevede l’utilizzo del lievito di birra e necessita solo di pazienza e un po’ di tempo. Non mancherà di regalarvi enorme soddisfazione e vi profumerà la casa con quel profumo irresistibile di pan dolce caldo. Dovete assolutamente provarla!

 

Continue reading

Risotto al cavolo nero e castagne

Sfogliavo le pagine di un giornale,  dall’ultima alla prima, come spesso mi ritrovo a fare. Leggo le ultime uscite cinematografiche,  scorro le recensioni delle più innovative creme viso,  le tendenze per il make up dell’inverno. Incontro una pagina dedicata alla cucina autunnale, due righe risicate di introduzione e una ricetta sottostante,  niente male,  penso.  Faccio una foto veloce con il telefono lasciandola ricadere nei meandri della galleria, ma in verità,  non l’ho mai dimenticata. Aspettavo solo il momento propizio. Qualche foglia di cavolo nero dall’orto di mamma,  un sacchetto di castagne di montagna, una cena tra amici.

Un abbinamento di gusti autunnali molto riuscito,  la dolcezza e la farinosita’ della castagna,  il gusto forte del cavolo nero.  Un inno ai prodotti autunnali delle nostre terre.  Il risotto l’ho preparato cremoso e morbido,  nonostante la foto non gli renda giustizia,  si sa,  il risotto è davvero ostico di fronte all’obiettivo e si asciuga all’istante.  Ma se vi fidate,  vi consiglio di tenere buona la ricetta, a portata di lista della spesa,  perché è davvero buono e insolito.  Gli ospiti ringraziano,  che soddisfazione!

Continue reading

Crostata con confettura e crema frangipane alle mandorle

Crostata mon amour…💛 Non potevo che aggiungere oggi nel mio elenco personale delle crostate, la prima a base di crema frangipane. Mi ha messo per primo la pulce nell’orecchio il maestro Montersino, sfogliando uno dei suoi immancabili libri in cui  utilizza spesso la crema frangipane in diverse versioni. Delicata, golosa, a base di burro e mandorle, a mio avviso si abbina divinamente a frutta e confetture. La ricetta di oggi mi è stata richiesta da un’amica che ne è stata conquistata vedendo online il tutorial per prepararla. Ha incuriosito anche a me per la sua facilità e l’ho provata volentieri. E’ una ricetta valida e un’ottima crostata originale adatta ad ogni occasione. Un guscio di frolla senza burro avvolge un velo di confettura e un ripieno di crema frangipane. Potete preparare una crostata grande di 28 cm di diametro o tartellette piu’ piccole da circa 10 cm di diametro, come ho fatto io. Preparatela per una merenda o per un fine cena, sarà il vostro dolce passepartout!

 

 

Continue reading

Gnocchi di zucca al cucchiaio

Ciao amici, bentornati sul Pomodorino! Oggi vi coinvolgo in un post godurioso, una ricetta rustica e casalinga che unisce in un sol piatto due cose che amo: la zucca e gli gnocchi.  Gli gnocchi sono da sempre il mio primo piatto preferito. Mi piacciono preparati in tantissimi modi,  del resto,  si prestano a molte varianti per accontentare tutti i palati e soddisfare le fantasie di chi sta ai fornelli. A partire  dagli gnocchi di patate a quelli alla romana, fino ad arrivare ai canederli trentini. La zucca invece, versatile come non mai,  è preziosa da ogni punto di vista. Scarsa in calorie ma ricca di colore e gusto, allieta  le mie cene invernali facendomi alzare dal sedia sazia,  appagata,  senza sensi di colpa. Al forno o in vellutata non delude mai.

Oggi non preparo gli gnocchi di zucca in un impasto consistente lavorabile con la mani, come per il più tradizionale degli gnocchi. Preparo gli gnocchi al cucchiaio. Cioè un impasto morbido da calare in acqua bollente a piccole porzioni aiutandosi con due cucchiai umidi.  Sono facili e gustosi. Calibrate la consistenza dello gnocco in base ai vostri gusti. Credo che questo sia molto importante. Fate la prova della cottura come vi spiego nella ricetta e  non potete sbagliare.  Conditeli con burro e parmigiano e serviteli caldissimi oppure fategli venire la crosticina due minuti sotto il grill del forno.  Una bontà!

Continue reading

Pane alla zucca

Finalmente sono riuscita ad infornare un lievitato! Era molto che aspettavo, la lista di lievitati da provare è davvero piuttostosto lunga e lo diventa sempre di più di anno in anno.  Di sicuro richiedono tempo, dedizione,  concentrazione e tanto amore. Ho sempre avuto la sensazione che assorbano l’atmosfera circostante e l’umore di chi mette le mani in pasta.  Cerco così sempre il momento propizio che mi permetta di occuparmene a dovere. Ma la soddisfazione una volta una volta sfornati è davvero impagabile.  Talvolta è necessario iniziare il giorno precedente, come ad esempio per il pandoro,  questa volta invece mi occupo di una pagnotta facile alla portata di tutti,  e di grande effetto.  Era veramente molto tempo che volevo fare un pane alla zucca. Ho seguito la ricetta di Giallo Zafferano perché quella pagnotta rotondeggiante dall’interno aranciato,  era troppo bella!  Non vedevo l’ora di respirare il profumo di pane caldo che esce dal forno e inonda la cucina.  Questa è davvero la stagione perfetta per accendere il forno e godersi le lievitazioni lente. Potete procedere a mano o con l’impastatrice. Io solitamente utilizzo la planetaria per poi “finire”  l’impasto a mano sul piano di lavoro godendomi tutto il piacere ed il relax del mettere le mani in pasta. Ho servito il pane alla zucca a cena,  perfetta per le cena autunnali, colorata e saporita,  dall’interno davvero morbido.  Una gran soddisfazione,  soprattutto perché è finita tutta!

Nel procedimento si parla di incordatura dell’impasto. (mi sono informata un pochino) Per incordatura si intende la creazione della maglia glutinica che consente all’impasto di trattenere al suo interno i liquidi. L’incordatura è quel momento in cui, mentre si impasta, l’impasto si stacca dalle pareti della ciotola dell’impastatrice e diventa una massa compatta attorno al gancio. Quando si raggiunge questo punto è necessario smettere di impastare, perché si rischierebbe di andare oltre rompendo il glutine già formato. (spiegazione dal web)

Non vi resta che celebrare l’autunno!  Mani in pasta!

 

Continue reading