Tiramisù caraibico alle pesche

1 ottobre 2018Giulia
Blog post

Grazie a questa estate lunga e calda, i banchi dei fruttivendoli offrono ancora pesche italiane carnose e succulente. Ho pensato cosi di riproporre una vecchia ricetta  a cui ho dato un nome particolare a causa di cosa mi  ha rievocato il suo sapore. Chi mi conosce sa che  mi piace il tiramisù in tutte le sue versioni e spesso ne pubblico una nuova. Adoro i dolci al cucchiaio cremosi e vellutati. Questa ricetta è nata per caso, un pomeriggio estivo di qualche anno fa, quando pesche e pavesini cercavano un modo per finire nella stessa pirofila.

Ho cosi pensato di usare la crema classica al mascarpone e di inzuppare i biscotti in quello che avevo a disposizione, cioè succo tropicale e un po’ di latte e di intervallare il tutto con una macedonia di pesche. Dopo qualche ora di frigo ho affondato il cucchiaio e … avete presente quando sapete di aver già mangiato quella cosa ma non sapete esattamente identificarla? Ecco, il sapore di questo tiramisù mi ricordava qualcosa di familiare ma non riuscivo a ricordare. Poi l’ho scoperto! Sapeva di “Solero”. Esattamente il gelato sullo stecco, panna ricoperta da una cremina arancione ai frutti tropicali. Delizioso! E’ nato cosi il mio tiramisù Solero,  da quella volta lo preparo ogni anno perchè mi piace un sacco! Potete sistemare gli strati in una pratica pirofila o preparare eleganti monoporzioni. Utilizzate uova freschissime e pesche gialle mature, sono più profumate e non avrete difficoltà a sbucciarle. Lasciate in frigo a riposare per qualche ora e poi preparatevi a mandare in viaggio le vostre papille gustative. Del resto il tiramisù è una certezza, non delude mai! Sarà merito del mascarpone, che ai caraibi è ancora più buono e fa vacanza!

Ingredienti per 6/8 persone:

  • 4 pesche gialle mature
  • succo tropicale qb
  • qualche goccia di succo di limone
  • 9-10 pacchetti di pavesini (se preferite usate i savoiardi ma io preferisco i primi)
  • 500 gr di mascarpone
  • 4 uova intere
  • 4 cucchiai di zucchero bianco
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna chiaro
  • un pizzico di vaniglia
  • 1 pizzico di sale

 

Lavate le pesche, privatele di buccia e nocciolo, tagliatele a tocchetti non troppo grandi e riunitele in una ciotola. Aggiungete un cucchiaio di zucchero di canna chiaro e qualche goccia di succo di limone. Mescolate e lasciate riposare in frigo.

Per preparare la crema iniziate con il separare i tuorli dagli albumi. Montate per 5 minuti i tuorli con i 4 cucchiai di zucchero e la vaniglia in polvere, naturalmente aiutatevi con la fruste elettriche. Fermatevi solo quando saranno bianchi e spumosi. A questo punto unite il mascarpone e mescolate i due composti fino ad omogeneizzare il tutto. Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale e uniteli al composto di uova e mascarpone in modo delicato, in più riprese, mescolando dal basso verso l’alto con un cucchiaio o una spatola. Conservate la vostra crema in frigo fino al momento in cui la utilizzerete.

Procuratevi una pirofila di medie dimensioni. In un piatto versate il succo tropicale e il succo rilasciato dalla macedonia di pesche. Potete anche allungare la bagna con un goccio di latte. Preparatevi i pacchetti di pavesini aperti e a portata di mano per agevolarvi successivamente il lavoro. Iniziate con il stendere qualche cucchiaio di crema per coprire il fondo della teglia. Girate ogni pavesino nel succo brevemente (per non inzupparli troppo) e disponeteli ad uno ad uno sul fondo della teglia in modo ordinato fino a coprite la superficie. Continuate distribuendo 1/3 della crema sopra allo strato di biscotti e successivamente 1/3 delle pesche a cubetti. Ricominciate con un altro strato di pavesini, crema e frutta fino ad esaurimento degli ingredienti. Dovreste ottenere tre strati. Conservate i frigo per qualche ora e servite fresco.

 

 

Scrivi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricetta precedente Prossima ricetta