Pizza di scarola

L’inizio della primavera  mi fa sempre venire voglia di torta salata. Voi vi chiederete perchè mai la torta salata dovrebbe essere legata nella mia testa all’inizio della bella stagione: la risposta è il pic nic. Adoro il pic nic! Mangiare a gambe incrociate seduta per terra è cosa che mi capita alquanto frequentemente, ma, seduta a gambe incrociate, per terra, su di una coperta a quadri, circondata da erbetta verde e un gruppo di amici divertenti, bhe, questo succede solo in caso di pic nic.

Quelle situazioni dove ognuno porta qualcosa, dove il piattino di plastica si riempie di cibo sfizioso e stenti persino a tenerlo dritto sul palmo della mano, dove mangi con le mani e poi ti lecchi le dita perchè il tovagliolo è immancabilmente sul lato opposto della coperta vicina. Dove il soletto ti scalda il collo e tu ti senti una teenager fresca e spensierata dove il tuo unico problema è decidere se giocare a carte o fare una partita a pallavolo. Dove non puoi trattenerti dall’appenderti ai rami degli alberi e fare una ruota con le gambe per aria. Dove insomma ti dimentichi di avere 32 anni e forse non te li sei mai sentiti addosso.

pizza di scarola

Ecco, tutta questa premessa per dirvi che ho preparato una torta salata: ma niente pic nic, la primavera è ancora alle porte, bisogna pazientare ancora un po’. Ebbene, ho preparato la pizza di scarola di cui ho sempre sentito parlare ma non ho mai avuto il piacere di farne la conoscenza da vicino. E’ veramente deliziosa! E’ una sorta di pasta di pane stesa in doppio strato che racchiude un ripieno umido e saporito di scarola ripassata in padella con capperi e olive e pinoli. Niente formaggio, sembra strano vero? Eppure questa ricetta è nata cosi ed è pure molto tradizionale e gustosa. Veramente alquanto insolito trovare un piatto vegan nella tradizione del sud Italia, ma come tutti i piatti della tradizione, sopravvissuti per decenni, che prendono parte a tavole imbandite e festaiole, non  lasciatevelo scappare! Non è per nulla complicata da preparare, ma come tutti gli impasti lievitati vi serve un po’ di tempo a disposizione. Che ne dite di provare il prossimo week end?

Ingredienti:

Per il ripieno:

  • 800 gr di scarola (circa 2 grandi cespi)
  • 1 spicchio di aglio
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 120 gr di olive taggiasche
  • 3 cucchiai di capperi senza sale
  • 25 gr di pinoli
  • un pizzico di peperoncino
  • sale
  • pepe

Per l’impasto della pizza:

  • 400 gr di farina 0
  • 100 gr di farina di manitoba
  • 14 gr di lievito fresco
  • 130 gr di acqua tiepida
  • 60 gr di olio evo
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino raso di sale

 

pizza di scarola (4)

 

Sciogliete nell’acqua intiepidita lo zucchero e il lievito, lasciate riposare per 15 minuti. Nel frattempo unite in una ciotola le farine, un pizzico di zucchero. Trascorso il tempo unite l’acqua con in lievito e impastate, poi unite l’olio e per ultimo il sale. Impastate tutto fino ad ottenere un impasto morbido ma lavorabile, deve essere liscio e omogeneo. Mettetelo in una ciotola coperta e mettetelo a riposare nel forno spento ma con la luce accesa per circa 2 ore. Deve raddoppiare di volume.

Preparate il ripieno. lavate la scarola e asciugatela bene. In una padella o pentola molto capiente scaldate l’olio con l’aglio e il peperoncino, lasciate soffriggere, poi eliminate l’aglio e aggiungete la scarola precedentemente tagliata in piccole listarelle. Aggiungete un po di sale e lasciate cuocere a fuoco lento senza coperchio. deve calare di volume e deve asciugarsi, per circa 20 minuti. Aggiungete olive e capperi. Lasciate insaporire e asciugare, eliminate dell’acqua con un  cucchiaio se la verdura ne rilascia in grande quantità. Poi aggiustate di sale e pepe. Lasciate riposare e raffreddare.

In un padellino caldo fate tostare i pinoli qualche minuto. Poi lasciateli freddare.

Trascorso il tempo di lievitazione riprendete l’impasto e lavoratelo per qualche minuto. Preparate una teglia da forno di 28 cm di diametro e ungetela con olio. (io ne ho usata una anti aderente). Dividete l’impasto in due parti e formate 2 dischi. Usate una parte per ricoprire il fondo della teglia. Aiutatevi con una mattarello. Poi distribuite la scarola e i pinoli. Usate l’altra porzione di impasto per ricoprite la pizza. Sigillate bene i bordi. Rimettete la teglia in forno spento con la luce accesa, copritela e lasciate riposare per un’altra ora. Scaldate poi il forno a 180 gradi, nel frattempo spennellate la superficie della pizza con un po’ di olio. Cuocetela per un’ora abbondante. Deve cuocere bene anche la parte inferiore che tende ad essere umida per l’acqua rilasciata dal ripieno. Potete provare a girare sottosopra la pizza e proseguire la cottura per pochi minuti. Se non è necessario sfornate a cottura ultimata e lasciate riposare per 20 minuti prima di servire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa la seguente frase... Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.